Ieri

 

Tutto è iniziato nel 2008 quando la cooperativa Le Ali si aggiudica la ristrutturazione di Ca’ Shin, sita sulla collina del Parco Cavaioni, luogo a quel tempo abbandonato, ma da sempre nel cuore dei bolognesi.

Un patrimonio che non poteva esser perduto.

Il nome scelto nell’assonanza ricorda Cascina, ma in ebraico Shin è la lettera dell’alfabeto  che significa cambiamento, e racchiude un significato importante e la mission della cooperativa stessa.

 

Dal 2009 sono state molte le iniziative organizzate che le hanno consentito di farsi conoscere, e attraverso le quali si è resa possibile la ristrutturazione dell’immobile in bioedilizia.

 

Poi la realizzazione del ristorante, vero “motore economico”, dapprima a uso esclusivo per i soci e poi aperto anche al pubblico, è in linea con la filosofia che anima Ca’ Shin.

 

Oggi

 

La Cooperativa Le Ali non si vuole fermare.

Dopo tanti mesi così difficili per tutti, il ristorante ha finalmente riaperto il suo giardino per i suoi tantissimi clienti, ma questo non è bastato.

Oggi si è voluto pensare di più alle famiglie e ai nostri bambini.

 

Abbiamo quindi chiesto nuovamente l’impegno dei soci per organizzare una campagna di crowdfunding e di investire nel primo PARCO AVVENTURA DIDATTICO per bambini in località urbana.

Casette sugli alberi che diventano nidi e giochi a terra che si trasformano in tane per imparare a riconoscere gli amici animali della zona, reti su cui saltare che ricordano i nostri calanchi e percorsi avventura tra gli alberi per conoscere il nostro territorio, giochi da tavolo in formato gigante e piste per sperimentare le pendenze, saranno il nuovo modo di giocare dei nostri bambini che hanno bisogno di ritrovare il contatto con la natura, con l’aria aperta e con gli altri bambini.

 

Ecco che prende così vita il BOsco di CA’SHIN.

 

Domani

 

Siamo solo all’inizio.

Domani tutto questo sarà messo a disposizione delle scuole, delle associazioni che si occupano di bambini e ovviamente delle famiglie.

 

Con questo parco ci auguriamo che le famiglie ritrovino il piacere di trascorrere giornate all’aperto nella propria città e che le scuole possano trovare nuovo spunto per insegnare ai nostri bimbi la natura e la condivisione del gioco all’aria aperta.

Obiettivo prossimo sarà quella di contattare le scuole per organizzare in autunno le giornate dell’accoglienza per le prime classi della materna e delle elementari in modo che i bambini possano conoscersi in un ambiente nuovo e sano, in linea con il pensiero ecologico che da anni contraddistingue la Cooperativa Le Ali.